BDS AL BIBLIOPRIDE. GIORNATA NAZIONALE DELLE BIBLIOTECHE 12 ottobre 2012

Roma

, 0 - Manifestazione

biblikoprideimmagine

Bibliopride

Lettera all'Associazione Italiana Biblioteche:   

Gent. colleghi, come bibliotecari biomedici abbiamo molti motivi di essere orgogliosi. Le biblioteche biomediche salvano le vite umane.
Perciò invito i colleghi a partecipare alla bella manifestazione Bibliopride organizzata dall' AIB organizzando anche piccole manifestazioni ad esempio le "Porte aperte a cittadini e pazienti"

L'Associazione BDS ha svolto negli anni passati una campagna per il riconoscimento del bibliotecario biomedico con un manifesto con lo slogan " La chiave della salute sta in biblioteca" che può essere
assunto come slogan per le biblitoteche biomediche in occasione di manifestazioni nell' ambito di Bibliopride .

Il manifesto è scaricabile sul sito www.associazionebds.it al link:
Campagna per il riconoscimento del bibliotecario biomedico. Basta inserire una striscia con l'indicazione e il logo di Bibliopride e il riferimento naturalmente all' AIB (vedi sito AIB),

Invio alcune citazioni recenti ed antiche (la seconda inviatami da Davide Lionetti incontrato alla conferenza stampa dell' AIB) relative al ruolo delle biblioteche e della documentazione nella salvezza di vite
umane e nel garantire l'appropriatezza degli interventi sanitari).

Uno studio condotto negli ospedali Rochester (USA): su un campione di 448 medici ha avuto questi risultati: i 208 medici che hanno risposto al questionario somministrato per lo svolgimento della ricerca hanno dichiarato che con l' uso della documentazione, reperita tramite la biblioteca, si era ridotta la mortalità nel 19% dei casi, il ricorso alla chirurgia nel 21%, si erano determinati cambiamenti nella diagnosi
nel 29%, nella scelta dei test nel 51%, e nella decisione sui farmaci da utilizzare nel 45%. L' informazione aveva contribuito a evitare il ricovero in ospedale nel 12% dei casi, a ridurre la lunghezza della degenza nel 19%, evitando le infezioni ospedaliere nell' 8%, riducendo l'uso di test o procedure aggiuntive nel 49% e modificando i consigli per i pazienti nel 72% dei casi (1).

(1) Marshall JG, The impact of the hospital library on clinical decision making: the Rochester Study, Bull Med Libr Assoc 1992; 80(2):169-178

Lo scrittore latino del II sec. d.C., Aulo Gellio nelle sue Noctes Atticae (raccolte di appunti presi a veglia durante un soggiorno invernale nei pressi di Atene) racconta come in un pranzo di un'estate particolarmente torrida egli sia stato salvato dagli effetti nefasti provocati dalla neve sciolta in acqua (acquisizione della medicina del tempo) grazie alla pronta consultazione di un testo aristotelico
conservato nella vicina Biblioteca del Tempio d'Ercole (Tivoli) e citato come fonte di massima attendibilità da un filosofo peripatetico presente al convito. Il passo viene ritenuto una prova non solo dell'esistenza
del servizio di prestito dei libri, anche rari e preziosi come quelli aristotelici, ma anche di una certa efficienza del servizio, se è vero, come scrive Gellio, che il filosofo si precipitò nel pieno del banchetto
in biblioteca e fece subito ritorno con il libro aperto alla pagina interessata. [da Gellio, Noctes Atticae, 19, 5, 1 sgg.] (Davide Lionetti)

Un cordiale saluto

Presidente Associazione BDS

Gaetana Cognetti

http://www.facebook.com/photo.php?fbid=447953565250289&set=a.290084067703907.68341.100001069488721&type=1&theater

Vai alla ricerca